scuola judo tomita

Glossario

Scuola JUDO Tomita

Home page Indice Cerca Informazioni Glossario Bibliografia e link

   

A B C D
E F G H
I J K L
M N O P
Q R S T
U V W X Y Z

Glossario del Judo e non solo

Tratto da:

bullet

"Glossario Judo" del Maestro Antonio Ferrante Cintura Nera 6° Dan. Presentazione di Matteo Pellicone.

A B C D E F G H I
J K L* M N O P Q R
S T U V* W X Y Z

Premessa

La lingua giapponese non ha un alfabeto simile al nostro, ma una scrittura mista ideografica e fonetica. Essa si basa essenzialmente sull'uso di ideogrammi cinesi detti kanji (kan = antico nome della Cina; ji = carattere) e si avvale di due sillabari denominati Hiragana (hira = comune, gana = carattere prestato: carattere prestato di uso comune) e katakana (kata = parte; kana = carattere prestato: carattere prestato in parte).
I kanji vengono impiegati per rappresentare tutte le parole che hanno un preciso significato. Si compongono generalmente di due parti:
una, chiamata “radicale”, fornisce il significato generico del carattere;
l'altra, detta “fonetica”, consente la lettura del carattere stesso.
Il sillabario hiragana viene usato per scrivere le parti del discorso che non hanno significato proprio (ad. es. preposizioni, prefissi, suffissi ecc.); con il katakana vengono invece scritti termini scientifici o parole di origine straniera escluse quelle cinesi.
I sillabari sono formati da segni sillabici nei quali sono rappresentati tutti i suoni fondamentali della linaua, suoni che non possono mai essere separati. Tali suoni si dividono in: “puri” o “fondamentali” (seion), “impuri” (dakuon), “semi-puri” (handakuon) e “contratti” (yoon).

La traslitterazione degli ideogrammi in caratteri latini prende il nome di romaji (roma = Roma + ji = segno: “ segno di Roma”). Essa è dovuta ai Padri Gesuiti che la utilizzarono fin dal 1549 per la trascrizione di testi religiosi. Tuttavia si è dovuto attendere che si aprissero i rapporti con l'occidente perché tale tipo di scrittura fosse utilizzato anche per rendere più accessibile l'apprendimento della lingua giapponese.

Rispetto alla lingua italiana, la pronuncia non presenta molte diversità; tuttavia si segnalano le più ricorrenti:

bulletch = si pronuncia come la c di “cera”
bulletg = si pronuncia con il suono gutturale della g di “governo”
bulleth = è sempre aspirata
bulletj = si pronuncia come la g di “gelato”
bulletsh = si pronuncia come la sc di “scena”
bullettsu = si pronuncia tsu all'inizio di una parola e zu di “zucchero” all'interno o in una parola compostala.
Va rilevato che molti Autori di libri, per facilitare il lettore, scrivono direttamente le parole come si pronunciano (ad es. gjaku-zuki invece di gjaku-tsuki)
bulletu = nelle sillabe “su” e “tsu” è quasi muta
bulletw = si pronuncia come la u
bullety = per i giapponesi è una consonante e si pronuncia i

*Nella lingua giapponese non esiste la lettera l (elle) e quindi neanche il corrispondente suono; perciò, per trascrivere parole che la contengono, viene usata la lettera r (erre). Non esiste neppure il suono della v (vu).

Spesso accade che più vocaboli dal suono simile (ovvero dalla pronuncia simile) abbiano un significato molteplice e, a volte, del tutto diverso. Anche nella lingua italiana ciò si verifica con vocaboli che si scrivono nello stesso modo (ad es.: pesca = il pescare e pesca = il frutto); per evitare eventuali equivoci, ci si avvale degli accenti (pésca e pesca) che modificano anche la relativa pronuncia. Nella scrittura giapponese, anche se i suoni sono o possono sembrare simili, gli ideogrammi sono differenti. Per evidenziare tale diversità, in questo glossario le parole dal suono uguale o simile, aventi le radicali diverse, sono ripetute nella elencazione; mentre, se le radicali sono uguali, i diversi significati hanno l'indicazione numerica (1); (2); ecc.

Per eufonia, nelle parole composte, alla seconda parola componente viene sostituita la prima sillaba con consonante sorda (suono puro) con la corrispondente sillaba che ha consonante sonora (suono impuro); ad esempio: ha diventa ba (ashi-barai e non ashi-harai) shi diventa ji (hiza-jime e non hiza-shime). Tale cambiamento si dice nigorizzazione (da nigori = impurità).

Tra l'altro, nella lingua giapponese la costruzione della frase risulta capovolta rispetto alla nostra. Ad esempio, la frase italiana “dita del piede” in Giappone viene detta “piede del dita” (ashi-no-yubi). Non esistono gli articoli ed i pronomi relativi; mancano il genere ed il numero che, comunque, si deducono dal contesto del discorso.

Tanto premesso, con questo glossario si è tentato di facilitare la comprensione dei termini più usati nella pratica del JUDO.

LEGENDA

bullet

(cfr.) = confronta

bullet

(lett.) = traduzione letterale

bullet

(nig.) = nigorizzazione: sostituzione, nel secondo componente, della prima sillaba sorda (suono puro) con la corrispondente sillaba sonora (suono impuro); ciò si verifica nelle parole composte o quando si aggiungono particelle ausiliarie (prefissi o suffissi)

bullet

(p.es.) = per esempio

bullet

(pref.) = prefisso

bullet

(prep.) = preposizione

bullet

(suf.) = suffisso

bullet

(v.) = verbo

 

• Home page • Indice • Cerca • Informazioni • Glossario • Bibliografia e link • Staff

Per la spiegazione dei termini giapponesi potete consultare il Glossario del Judo e non solo.

Questo sito è in continuo sviluppo. Questa pagina è stata aggiornata il 28 marzo 2014.

Questo è un sito d'informazione amatoriale realizzato a puro scopo informativo e divulgativo, i cui contenuti non vogliono offendere alcuno, ma semplicemente esprimere libere opinioni.
Immagini e testi presenti su www.scuola-sudo-tomita.com sono in larga parte presi da internet, e quindi valutati di pubblico dominio, o realizzati dagli autori del sito, o tratti da pubblicazioni sempre citate nella pagina stessa o in bibliografia. Tutti i diritti riservati ai possessori o ai creatori dei singoli elementi sono specificati in ogni pagina, lì dove necessario. Soggetti o autori che fossero contrari alla pubblicazione, o chiunque fosse a conoscenza di valide motivazioni che ne impediscono la divulgazione, non avranno che da segnalarlo al Webmaster che provvederà prontamente alla rimozione delle parti imputate.

Powered by Alessandro Possagno